La cultura riparte con la sicurezza

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Tra gli effetti prodotti dalla pandemia è da segnalare anche la chiusura delle istituzioni culturali della nostra diocesi e in particolare dell’archivio diocesano, della biblioteca diocesana e del museo diocesano. Le attività, soprattutto quelle che coinvolgevano numerosi visitatori, sono state sospese per motivi precauzionali e solamente a partire dall’ultima settimana di maggio si sono visti dei segnali di ripartenza per una riapertura. La forzata chiusura però non si è tradotta in una sterile inattività dal momento che le strutture hanno approfittato di questo tempo per curare numerose iniziative. Innanzitutto sono stati elaborati dei protocolli di sicurezza per la fruizione dei luoghi destinati ad accogliere il personale e i visitatori, il tutto secondo la normativa vigente specifica. L’archivio, vista l’impossibilità per i ricercatori di accedere ai fondi, ha curato l’aspetto comunicativo: è stato infatti predisposto un lavoro di divulgazione in cui gli schedatori impegnati presso la struttura hanno pubblicato l’esito del loro lavoro sulla pagina Facebook dell’Associazione Nazionale Archivistica Italiana. La biblioteca diocesana ha indirizzato il proprio impegno alla catalogazione e al riordino delle consistenti donazioni recentemente acquisite e in aggiunta sta progettando alcune attività per l’autunno; oltre alla ripresa della collaborazione con le scuole, si stanno gettando le basi per una visita guidata tematica, dedicata ad alcuni libri nati in esperienze di prigionia, e per una mostra in occasione del VII centenario dantesco. Infine, il museo si è attivato su vari ambiti: per quanto riguarda la conservazione è stato avviato, sempre in collaborazione con l’ufficio Beni culturali della Curia e la Soprintendenza, il restauro di alcune anfore provenienti dalla cupola del battistero ingauno. Per quanto riguarda la promozione della struttura museale sono stati presi contatti con alcune strutture ricettive e associazioni di categoria perché il battistero paleocristiano e il museo siano sempre più visitati. Si ritiene utile ricordare le modalità e le tempistiche per l’accesso alle strutture: per l’archivio diocesano, per informazioni o prenotazioni, rivolgersi all’indirizzo e-mail archivio@diocesidialbengaimperia.it; per la biblioteca diocesana, informazioni o prenotazioni, all’indirizzo e-mail biblioteca@diocesidialbengaimperia.it o al numero di telefono 366.8254229. Per informazioni o prenotazioni sul museo, rivolgersi all’indirizzo e-mail museodiocesano@diocesidialbengaimperia.it o al numero di telefono 347.8085811.
È possibile visitare il battistero paleocristiano e museo diocesano dal martedì al sabato (9.30–12.30 e 15.30–18.30) e domenica (10–12.30 e 15.30–18).